My default image

Storia e mito attraverso l’arte dei tappeti cinesi in mostra al MAO di Torino

Partire con l’idea di visitare una mostra su Monet a confronto con l’impressionismo giapponese…e ritrovarsi davanti a dei preziosissimi tappeti cinesi.

Può succedere anche questo quando si arriva in un museo impreparati sulle esposizioni in corso e magari ancora un po’ assonnati. Ma spesso, anche un errore può portare a qualcosa di buono.

Trovandomi tra le mani un dépliant con su scritto Il Drago e Il Fiore d’Oro, avrei anche potuto intuire che quanto mi accingevo a visitare al MAO (Museo d’arte Orientale) di Torino poco aveva a che vedere con le ninfee di Monet, e considerando che eravamo in due, avremmo pure potuto accorgercene …ma fino a quando non siamo arrivati dentro una sala piena di tappeti non c’è stato chiaro.

Citando proprio quanto è scritto nel pieghevole che conservo gelosamente, il MAO, in collaborazione con la Fondazione Museo Asia, propone una grande mostra che presenta per la prima volta opere di arte tessile di rara bellezza e impatti visivo: 36 tappeti di manifattura cinese realizzati tra il XVII e il XIX secolo nei laboratori imperiali per adornare le immense sale e i podi dei troni dei palazzi dell’Imperatore nella Città Proibita di Pechino.

In ogni sala il visitatore ha la possibilità di ammirare preziosissimi intrecci di seta e metalli fortemente rappresentativi della dinastia Qing (1644-1911) e ognuno dei tappeti porta con sé un valore inestimabile anche dal punto di vista simbolico. I principi del taoismo, dottrina filosofico-religiosa appartenente alla cultura e alla società cinese, vengono raccontati attraverso queste straordinarie opere, esempio di una notevole maestria decorativa. Animali fantastici e creature mitologiche evocano una storia millenaria e tutto il mondo sottostante al divino potere imperiale.

Il percorso della visita è allietato da un sottofondo musicale opera di Nina Danon e dalla videoinstallazione di Andreas Nold.
La mostra è stata appena inaugurata e sarà visitabile fino al 28 marzo 2016. Tante le iniziative a essa correlate, un vero e proprio ciclo di appuntamenti per i quali vi invito a consultare il calendario riportato di seguito.

MAO – Museo d’Arte Orientale (Torino)

http://arteorientaletorino.it/