My default image

Sanremo live...in conferenza stampa con i Dear Jack

News dalla sala stampa...ecco un po' di pillole live, ora al Palafiori di Sanremo.

In conferenza stampa con i DEAR JACK

dear jack

I Dear Jack, soddisfatti della performance di ieri sera e dell'album in uscita Mezzo Respiro, si raccontano in conferenza stampa.
«È stato un anno di cambiamenti che ci rivede sul palco dell'Ariston con un nuovo assestamento. Abbiamo ricevuto tanto sostegno dal manager, da tutte le radio anche piccole e dai fan.
Uno dei risultati di questi mesi di lavoro è il disco.
Abbiamo deciso di non metterci in copertina ma di fare una cover variopinta che rappresenta il colore della nostra musica e il nostro istinto.
I pezzi sono differenti uno dall'altro con tante sfaccettature.»

Vi darebbe fastidio arrivare dietro Alessio Bernabei (il loro ex cantante. NdR) in classifica?

Non ci sarebbe fastidio! Pensiamo solo a esibirci e a fare bene.

Leiner, come ti ha aiutato l'esperienza della band ad affrontare palco di Sanremo?

La loro tranquillità e il loro incoraggiamento mi hanno aiutato molto. Anche nella realizzazione dell'album. Mi sono sentito supportato e la loro esperienza mi ha giovato molto.

Per la serata delle cover avete scelto "Non ti fidar di un bacio a mezzanotte" del Quartetto Cetra, come mai?

Questa canzone racchiude lo stato d'animo con cui arriviamo a Sanremo. Il nostro ospite sarà l'orchestra che si è dimostrata entusiasta della nostra idea.
Abbiamo puntato su un brano storico, risale al '52, e speriamo di attingere al loro successo...e portare sul palco una festa!

Che colore scegliereste per descrivere il vostro album?

L'arancione: segno di rinascita, rivincita e prosperità.

Come si è fuso il genere di Leiner con il pop rock dei Dear Jack?

Ci siamo fatti guidare dall'istinto e abbiamo provato ad assemblare tutto. Nell'album ci sono pezzi molto diversi tra loro e il disco è molto vario. In qualunque genere ti cimenti puoi comunque mettere del tuo...sono riuscito a migliorare restando sempre me stesso.