My default image

Sanremo Giovani, ecco gli 8 protagonisti - parte IV

Ecco qua gli 8 protagonisti che a febbraio calcheranno il palco dell’Ariston, ovvero i vincitori di Sanremo Giovani e Area Sanremo.

gruppo

Gli 8 finalisti insieme a Carlo Conti

Francesco Gabbani

FrGab

Dato già da molti come possibile vincitore delle nuove proposte, Francesco Gabbani parla della canzone “Amen” raccontando il suo desiderio di voler stimolare una riflessione in chi la ascolta. «L’interpretazione del testo è chiaramente libera», spiega. «Nel sistema in cui viviamo oggi, nella frenesia mediatica, davanti alle problematiche si spera spesso in un miracolo. Questo miracolo non va cercato fuori ma dentro di noi…ballando!»
Il suo futuro dopo Sanremo prevede l’obiettivo di divulgare al più possibile la sua musica e poter andare in giro, almeno in Italia, e suonare dal vivo. Affronta il palco con il sorriso e cercando di divertirsi.

Irama

irama

Occhi di ghiaccio e dei vezzosi orecchini piumati che dichiara appartengano alla sua immagine sopra e sotto il palco. Irama con la sua canzone (di cui è anche autore) racconta un momento difficile della sua vita. «Ognuno chiaramente può dare una sua lettura, esattamente come si fa con le poesie. La gente deve fare sue le parole. Il mio obiettivo è essere un cantautore moderno e portare la mia musica ovunque».

Ermal Meta

ermal

Simpatico e con l’aria spettinata, Ermal Meta parla della sua canzone come descrizione della grandezza di un sentimento. «Quello che mi piacerebbe comunicare è come le tempeste di ieri, oggi poi sembrino solo aliti di vento». Crede nel valore del sudore, della fatica e dell’impegno, e sogna di poter fare tanti concerti. Già autore di testi musicali per altri artisti italiani, è fermamente convinto che «tutto ciò che facciamo ci riconduce a ciò che viviamo».

Chiara Dello Iacovo

chia

Chiara Dello Iacovo, nota al pubblico televisivo per aver partecipato all’ultima edizione di The Voice come componente del Team Facchinetti, si presenterà sul palco dell’Ariston con un brano che è difficile da dimenticare. «Introverso” nasce come un’invettiva al mondo dello spettacolo con il quale mi sono interfacciata già lo scorso anno, spiega. L’ho scritta durante l’ultimo periodo a The Voice, esperienza che mi ha forgiato sicuramente e mi ha insegnato tanto».
Con la modestia che la caratterizza, proietta già come possibile vincitore del festival il collega Francesco Gabbani, ma sicuramente non smette di sognare un tour tutto suo che possa portarla lontano.
«C’è un disco pronto che uscirà a febbraio con le canzoni più significative degli ultimi 3 anni. Il titolo è “Appena sveglia” e chiaramente parla di me! »

Michael Leonardi

mik

Potenza vocale e simpatia, il binomio perfetto per descrivere questo giovane cantante australiano di origine italiana. Sorride durante tutta l’intervista e racconta come ieri sera, dopo aver sentito il suo nome, non aveva capito se era stato eliminato o meno.
Ironizza sul suo accento e sugli errori che fa mentre parla la nostra lingua e quando gli viene fatto notare che ricorda molto Mika, ne approfitta per sottolineare come quest’ultimo rappresenti per lui un modello a cui ispirarsi.
Il suo brano “Rinascerai” è una dedica a tutti coloro che stanno vivendo un brutto momento.«Vorrei che quando qualcuno ascolta questa canzone senta una rinascita dentro di sé. È quello che spero di trasmettere quando mi esibisco».
In attesa di febbraio rimarrà in Italia per lavorare al suo primo album. Come dice lui, i canguri dovranno aspettarlo ancora per un po’!

Cecile

cec

Cecile, innamorata della musica, con la sua canzone “N.E.G.R.A.” ha portato sul palco di Sanremo Giovani un testo molto forte che come lei stessa spiega rappresenta la sua storia. «Per me è un brano molto importante perché parla di me. Il nucleo di ogni singola parola è l’ipocrisia, sentimento che affligge la società attuale. Credo che sempre più ci sia bisogno di canzoni come questa che aprano il cuore e la mente di chi ascolta. Bisogna ‘spolpare’ il testo e sicuramente, portare sul all’Ariston temi sociali e attuali, serve a far crescere la gente e ad aumentare il pensiero critico*».

Mahmood

mahm

Mahmood è uno dei due protagonisti vincitori di Area Sanremo. Racconta di aver scritto il suo brano alla fermata Loreto della metro milanese e parla di lui e del suo non facilissimo percorso.
«Quando ieri sera ho sentito il mio nome ho provato una felicità immensa che è raddoppiata visto che la seconda persona ad aver superato Area Sanremo è Miele, mia amica e compagna alla scuola di canto». Il cantante italo-egiziano spiega quanto secondo lui siano importanti lo studio e la tecnica per fare al meglio questo mestiere. Inoltre, si sofferma ancora di più sul ruolo del cantautore. «Un pezzo lo puoi scrivere ovunque, a seconda dell’ispirazione. Ma se vuoi fare il cantautore è fondamentale saper suonare uno strumento. A me serve per esprimere i miei colori e le emozioni».

Miele

miele

Miele, l’altra vincitrice di Area Sanremo, racconta il significato della sua canzone sperando che il messaggio sia condivisibile. «“Mentre ti parlo” racconta del desiderio di una donna di ricevere un amore esclusivo ma di essere allo stesso tempo emancipata e libera ».
Sanremo Giovani ha rappresentato un primo gradino verso il vero e proprio lancio mediatico che sicuramente avverrà a febbraio con la partecipazione al festival, lei intanto sogna i live e di stare in mezzo alla gente, cosciente della vetrina che è la TV.