My default image

Monaco di Baviera - le 7 note del primo giorno

La prima giornata a Monaco è andata. Intensa, con la guida in mano ma gli occhi spesso altrove...perchè d'accordo che vale la pena affidarsi ai suoi consigli ma è ancor meglio girare (a volte anche senza meta!) e soffermarsi sui dei particolari che nessuna banale guida turistica ti suggerirà mai.
E poi, aggiungerei, la cosa migliore da fare è chiedere alla gente del luogo...non parleranno la tua lingua, ma ci si capisce lo stesso.

guida

Ecco le 7 note (non è un caso che siano 7!) che hanno composto la melodia di questo lunedì in terra bavarese:

  1. Visitare il museo del giocattolo nella torre del vecchio municipio, chiedere informazioni alla signora della biglietteria e, per oltrepassare le barriere linguistiche, ritrovarci a fare il verso del maiale! *OiNk*

  2. Indossare il tipico abito bavarese, rigorosamente rosa, e sentirsi subito la principessa Sissi da bambina (prima che venisse incastrata negli obblighi di corte).
    abito

  3. Cenare in un posto molto tedesco ma pieno di stranieri e finire a un tavolo con una pazza signora locale, 2 inglesi, 2 finlandesi e 2 texane. Alla fine l'alcol e la musica live folkloristica ci hanno reso amici.
    serata

  4. Parlare per circa due ore con la ragazza che mi ospita qui a Monaco e discutere di un sacco di cose interessanti. E poi aggiungerei che mi ha anche preparato la colazione e me l'ha portata in camera...come si può essere più ospitali di così?

  5. Ascoltare un artista di strada al Tempio di Diana. La mia attenzione è stata catturata dalle note dell'Ave Maria, poi non sono riuscita a staccarmi da lì...il potere della musica di portarti altrove.
    music

  6. Improvvisarmi guida turistica con una famiglia argentina per spiegare che la statua di Giulietta che c'è qua a Monaco è una sorta di 'gemella' di quella di Verona. Non a caso è stata proprio la città veneta a donarne una copia ai tedeschi.
    giulietta

  7. Mangiare delle buonissime albicocche arrivate dal tirolo. Perchè alla fine sono le piccole cose a dare un senso alla giornata. L'importante è che siano dolci.