My default image

Il fascino della magia raccontato da Manuel Guarnori

Il fascino della magia è sempre attuale. Chi non rimane quanto meno incuriosito davanti a un abile gioco di prestigio? Personalmente ne sono sempre ammaliata e chi mi conosce sa che, con scarsi scarissimi risultati, mi sono anche cimentata in qualche numero con le carte.
Ho deciso così di dar voce a un giovane professionista. Lui è Manuel Guarnori, 22 anni, originario di Tresivio, un piccolo paese del nord Italia. Se gli chiedi cosa è per lui la creatività risponde che a suo avviso la creatività è tutto, che non è tanto importante essere creativi ma vivere con creatività, ognuno a suo modo, chi nel vedere le cose, chi nell'interpretarle, chi nel leggerle o sentirle...senza creatività non si sogna e senza sogni non si vive!

Manuel guarnori

Fin da bambino Manuel ama esibirsi e stupire amici e sconosciuti con numeri di magia, sketch comici e abilità da giocoliere...spinto unicamente dalla passione. Ma si sa che non c'è uomo più felice di quello che riesce a trasformare la passione nel proprio lavoro!

«Ho iniziato facendo spettacoli ed esibendomi in strada, nelle piazze e nei teatri con una ragazza professionista che è stata per me la prima maestra di giocoleria e la clownerie.»

Ricordando la sua infanzia, Manuel racconta che i primissimi trucchi che ha imparato erano con le carte e che comprò il primo gioco in una bancarella in strada, aveva 10 anni ed era un classico della magia: la sparizione del foulard.

«Vengo da un piccolo paese e non ci sono molte possibilità per il mio campo, quindi finiti gli studi superiori mi sono trasferito a Milano per frequentare un Accademia di Teatro. Una volta lì sono venuto a conoscenza del vero mondo della magia, entrando in contatto con maghi professionisti. Ascoltando i loro consigli ho iniziato a dedicare tutto me stesso a questa mia passione, a studiare, a impegnarmi ogni giorno e ho iniziato così la mia carriera come mago.»

Manuel guarnori

Hai dovuto fare degli studi specifici?

Ci sono numerosi libri da studiare, tante ore di allenamento, tante prove...sperando che i tuoi sforzi possano avere delle gratificazioni! Ma per fare tutto questo prima di tutto devi amare la magia e avere tanta passione per quest'arte.

Qual è la domanda o la richiesta che la gente ti fa più spesso quando dici di essere un mago?

Spesso la gente ha una reazione "strana"! il più delle volte ti chiedono di mostrargli un gioco oppure ti fanno le classiche richieste tipo 'puoi fare sparire mia moglie' oppure 'riesci a moltiplicare i soldi?' !

Senza rivelarne il trucco, qual è il numero che ti diverte di più?

Mi piace molto la magia comica e la magia di scena, e quando riesco mi piace unire la magia con la giocoleria. Uno dei numeri che più mi diverte, ma è anche uno dei più difficili fisicamente, è la liberazione da camicia di forza in monociclo!

Manuel guarnori Manuel guarnori

Cosa c'è dietro un gioco di prestigio? Li inventi tu? Ti confronti con colleghi più anziani?

Dietro ogni gioco di prestigio c'è sicuramente un trucco. Oggi inventare un nuovo gioco è molto difficile, è invece la presentazione la parte più importante. Puoi prendere un tecnica base, come ritrovare una carta in un mazzo, e presentare il gioco con una tua storia, il tuo personaggio,etc. Questo lo renderà unico ed è quasi come avere inventato un nuovo gioco.
E' molto importante confrontarsi con i colleghi perché possono nascere nuove idee.
Io essendo solo all'inizio quando ho la possibilità di incontrare colleghi professionisti, che magari hanno avuto successo in questo mondo, cerco sempre di andare a vederli, ascoltare le loro conferenze, vedere i loro spettacoli, e andare a conoscerli di persona...è per me uno stimolo per studiare tecniche nuove e impegnarmi ancora di più!

Manuel guarnori

Nonostante la giovane età, Manuel ha già ottenuto parecchie soddisfazioni dal suo mestiere, una in particolare, la più grande, risale alla scorsa estate. « Ero in Sicilia, quando una coppia di persone non molto giovani a fine spettacolo si è avvicinata per farmi i complimenti e il marito ha detto: 'volevo ringraziarti perché era ormai da molti anni che non vedevo mia moglie divertita e stupita come questa sera! Sei riuscito a farci vivere un'emozione unica e incredibile, grazie mille!'.»

Hai una...parola magica?

Spesso mi piace farla scegliere al pubblico per vedere cosa si inventano!

Hai un modello al quale ti ispiri?

Ho tanti modelli di maghi che mi piacciono, ognuno nella sua categoria: chi nella manipolazione, chi nell'illusionismo oppure chi nella magia comica.

Professionalmente parlando, qual è il tuo sogno nel cassetto?

Come ogni mago sogno ogni giorno di raggiungere livelli più alti, palchi più grandi, sempre più pubblico... ma quello che spero veramente è che l'entusiasmo e la passione che adesso ho per la magia non muoia mai, perché il giorno che succederà è il segnale che bisogna cambiare professione!

Manuel guarnori

Che consiglio daresti a chi vuole avvicinarsi a questa disciplina?

Penso che per me è ancora troppo presto per dare consigli, non credo di esserne in grado. Mi limito solo a dire che se qualcuno vuole avvicinarsi a quest'arte non deve pensare sia una strada facile... la magia ti dà tanto se tu dai tanto alla magia.

Se avessi i poteri magici, quale sarebbe la prima cosa che faresti?

Mi piacerebbe regalare a tutti un minuto di felicità. Un minuto in un giorno a caso dove tutti sono felici:camminano per la strada con il sorriso, ordinano un caffé sorridendo e vanno a prendere i figli fuori scuola con un bello smile stampato in faccia!

Manuel guarnori

Hai una citazione o un mantra che ti accompagna?

Mi piace molto una citazione di Silvan che dice: "Conoscere un trucco non è niente, saperlo fare è già qualcosa, saperlo presentare è tutto".