My default image

Cinema - "Love & Mercy", la vita di Brian Wilson: caduta e rinascita di un genio

Quante volte abbiamo ascoltato una canzone dei Beach Boys o magari abbiamo ballato sulle note della loro Surfin' U.S.A.? Eppure, a dispetto di tutto ciò, personalmente nulla sapevo di Brian Wilson, cantante e fondatore del gruppo. Oggi ho avuto l'opportunità di assistere all'anteprima di Love and Mercy, film diretto da Bill Pohlad e in uscita nelle sale italiane il 31 marzo, che racconta proprio la vita di questo artsita.

love and mercy

Una pellicola a carattere biografico realizzata anche con il contributo e il supporto dello stesso Wilson e di sua moglie Melinda, che con un montaggio che alterna presente e flashback, ripercorre il lato più oscuro e complesso della storia che giace dietro la felice apparenza di una musica spensierata. La droga, la malattia mentale, gli abusi e soprusi subiti dal terapista Eugene Landy e l'amore per Melinda Ledbetter che sarà la leva per uscire da un tunnel senza fine.
Gli interpreti (Paul Dano e John Cusack rispettivamente nel ruolo del protagonista da ragazzo e da adulto, Elizabeth Banks nei panni di Melinda e Paul Giamatti nelle vesti del terapista Gene), colgono perfettamente l'animo dei personaggi dando forte credibilità alle vicende narrate. Un continuo contrasto tra bene e male, dove il male pervade la vita del protagonista anti-eroe che avvia, fin dalla giovane età un processo quasi di autodistruzione. Una genialità a volte scomoda e ingestibile che porta Brian a subire la perfidia del padre, lo scetticismo degli altri componenti della band, qualche insuccesso col pubblico, quel 'sentire le voci' che crea turbamenti.

love and mercy

«Attraverso il film è possibile osservare le influenze creative e personali di Brian», afferma Oren Moverman - autore del copione -. «Appare chiaro che la sua mente lavora in un modo del tutto originale e differente. Abbiamo cercato di rendere visibile ciò che accadeva nella sua testa durante il processo di creazione attraverso il quale egli ascoltava e comprendeva il mondo esterno. Ovviamente si tratta di una nostra interpretazione, poichè si parla di fatti e sensazioni indescrivibili». Il film riesce a coinvolgere lo spettatore dipingendo nel dettaglio la vita di un vero americano (ammetto che aver visto il film in lingua originale sicuramente aiuta!) e risulta altresì premiante la scelta di lavorare sullo stesso personaggio con due attori diversi per raccontare stagioni differenti della sua esistenza.
«Quando ho saputo che il film sarebbe stato realizzato, il mio primo pensiero è stato: da chi sarò interpretato?», racconta lo stesso Wilson. «Devo ammettere che ero un po' preoccupato, ma Paul Dano e John Cusack sono stati entrambi delle scelte assolutamente perfette e l'idea del regista di usare due attori è stata geniale. E' stata una decisione audace, ma penso che fosse l'unico modo per far sì che il film funzionasse».

love and mercy

Inutile specificare che i 120 minuti che trascorrerete al cinema, saranno conditi dalle più celebri hit dei Beach Boys, da Surfer Girl a God only knows passando per I get around e così via. Rudnick Polstein - uno dei produttori - spiega come Brian Wilson abbia insistito molto sulla musica, ma in un modo che restasse sempre accessibile a un ampio pubblico. E' questo infatti il proposito di Love and Mercy. Un film che oltre a raccontare la vita di un uomo che Paul McCartney ha definito 'uno dei geni del nostro secolo', fa riflettere sulle fragilità umane e sulla crudeltà che può riservare il mondo soprattutto alle persone più sensibili e vulnerabili.

♪ Guarda il Trailer