My default image

La magia del cinema: scoprendo Cinecittà

Il cinema è magia. Da decenni permette a ognuno di noi di viaggiare con la fantasia, di farsi trasportare in luoghi e tempi remoti, sconosciuti. Il cinema crea una realtà alternativa che almeno per un paio d'ore riesce a distaccarci dalla vita di tutti i giorni.
La scorsa settimana mi trovavo a Roma e nonostante le mie visite nella capitale siano abbastanza frequenti ho deciso di visitare (per la prima volta!) Cinecittà.

cinecitta ingresso

Seppur consapevole di cosa avrei trovato, il fascino di quel posto immenso mi ha catturata e rapita per quasi 5 ore (una vera full immersion).
Quando si entra nella città del cinema si viene accolti in un immenso giardino dove il primo assaggio di quello che arriverà dopo viene dato da alcune statue appartenute a set di film epici.

cinecitta esterno

La prima palazzina che viene proposta al visitatore è piccola ma dedicata a un grandissimo: Federico Fellini. Dopo un percorso storiografico dedicato alla nascita e all'evoluzione di Cinecittà e parallelamente alla storia del cinema, si entra in una saletta dove il celebre regista viene consacrato attraverso le locandine dei suoi capolavori, le donne che lo hanno accompagnato nei film, i costumi di scena, la sua vita.

fellini 1 fellini 2 fellini 3

La visita procede attraversando stanza dopo stanza il museo. Un vero e proprio omaggio alle pellicole più celebri, ai divi resi immortali. Sergio Leone, Totò, Mastroianni, Sordi, le divine come Virna Lisi, Mariangela Melato, Gina Lollobrigida, Delia Scala e le star internazionali che a Cinecittà hanno girato kolossal, commedie e pellicole cult.

museo 1 museo 2 museo 3 museo 4

La Hollywood sul Tevere non smette di raccontare, nemmeno i suoi segreti. Quello che veramente colpisce sono i set esterni.
Basterebbe chiudere gli occhi, spostarsi di pochi metri, oltrepassare il celebre Teatro 5 prediletto da Fellini, e ritrovarsi nell'antica Roma o magari in Palestina o ancora in un'Assisi medievale o perché no tra le celebri villette di "Un medico in famiglia" (lo confesso, sono stata nel giardino dei Martini!).

teatro 5

roma

Set - Roma ai tempi di Giulio Cesare

assisi

Set - Assisi medievale

umif

Set - La casa di "Un medico in famiglia"

Pensare che grandi attori hanno calpestato quello stesso suolo, hanno guardato lo stesso cielo e respirato la stessa aria fa uno strano effetto. Bello. Piacevole. A tratti surreale.
E poi, dopo aver finito il tour vai al bar e lì senti la cassiera che dice che una volta stava rovesciando il caffè su Ben Stiller e ti chiede se per caso hai incontrato Keanu Revees perché è in giro a fare un casting. Il desiderio è non andare via, cercare un posto comodo in cui passare la notte.
Ma no, poi capisci che il film più bello è la vita e così ti lasci la finzione alle spalle, prendi la metro e vai a guardare il tramonto ai fori imperiali. Quelli veri.

fori imperiali