Qualcosa di me

Scrivere di se stessi è la cosa più facile e più complicata allo stesso tempo: si conosce bene l’argomento ma si rischia di averne una visione distorta.

Pertanto, nel raccontarvi chi sono, tenterò di essere il più oggettiva possibile.

Mi chiamo Gaia Guarino, sono nata l’1 aprile del 1987 facendo così lo scherzo più divertente della mia vita proprio ai miei genitori.

Ho trascorso i primi 19 anni della mia vita a Palermo per poi, dopo l’esame di maturità, barattare il mare della Sicilia con la nebbia di Milano…sono scelte!

Esame dopo esame, nel 2009 mi sono laureata in Economia aziendale e management presso l’Università Bocconi e nel 2011 ho ottenuto la specializzazione di Economics and management in Arts, Culture, Media and Entertainment (per gli amici ACME).

Ossessionata dal voler far parte tutti i costi di un’azienda di moda, ho studiato alcune materie ad hoc, ho scritto una tesi in proposito e ho avuto modo di vedere la realtà della fashion industry sotto ogni aspetto: come cliente, come consulente, come pubblicitario,come responsabile commerciale. Tutto ciò è bastato per farmi capire che non è tutto oro quel che luccica (in questo caso, il più delle volte sono paillettes!).

Dopo diverse esperienze lavorative ho deciso di intraprendere la strada della libera professione fondamentalmente per tre motivi:

  • Avere facoltà di esprimere un’opinione che venisse sinceramente presa in considerazione

  • Poter utilizzare il cervello oltre che il dito per cliccare sul mouse

  • Dare vita e concretezza alle mie passioni

Sono letteralmente innamorata di tutto ciò che richieda uno sforzo creativo e che permetta di unire logica ed emozione. Amo viaggiare perché ritengo sia il miglior modo per imparare dagli altri, scrivo per condividere i miei pensieri e le mie conoscenze, scatto fotografie per raccontare ciò che accade intorno a me, recito per scoprire me stessa attraverso i personaggi che incontro nei testi. Credo nel potere della comunicazione, in qualunque modo essa si manifesti.

La “Cena dei creativi” nasce proprio con l’obiettivo di creare un’occasione per raccontare, per prendere spunti, per incontrarsi attorno a un tavolo immaginario sul quale sono servite deliziose portate a base di inventiva, estro e ispirazione.

G.

Gaia